I due volumi che hanno prodotto fino ad ora sono un mix tra il fumetto, un’omaggio dissacrante della cultura pop, un manuale di design, uno studio tipografico dei materiali di stampa e un concept album dei Flaming Lips. Come vedere i NoFX in smoking e paiettes suonare Mozart in versione surf/hardcore davanti a un pubblico fatto di dipropyltryptamina durante l’Art Basel.

Il secondo progetto, “Deus ex Libro. Mortali si nasce, divini si diventa!”, si presenta come un vecchio libro religioso dalla rilegatura pregiata, copertina in similpelle serigrafata, doratura del dorso [...] Cazzutissimo a tenerlo tra le mani. Un’eiaculazione dedicata ai feticisti. Perfetto quindi per il sordido e sudaticcio mondo del fumetto.

da Collater.al – http://www.collater.al/arts/dr-ink-maniac-division/

 

Il sacro e il profano si fondono perfettamente, uniti dalla tagliente e a tratti esilarante ironia degli autori: in un’unica immagine si incontrano simboli sacri e divinità consumistiche come Ronald McDonald, la religione e il culto della personalità sui social network, in un mix ironico che non esita a far trasparire delle critiche tutt’altro che superficiali alla società contemporanea, nonostante il tono scherzoso con cui vengono affermate queste ‘verità’.

da lospaziobianco.it – http://www.lospaziobianco.it/71040-deus-ex-libro-drink-epoca

 

L’unica cosa che li potrebbe salvare dall’impossibilità di superarsi ulteriormente è in effetti la fine del mondo, da loro ampiamente presagita.

dal blog di Davide Barzi – http://www.postcardcult.com/articolo.asp?id=5007&sezione=61

 

Deus Ex Libro: mortali si nasce, divini si diventa è del tutto simile ad un vero Vangelo: copertina in similpelle rossa serigrafata oro, doratura del dorso e packaging degno di una collector’s box.

da draft.it – http://www.draft.it/cms/Contenuti/mortali-si-nasce-divini-si-diventa

 

Quest’anno, si sono ripetuti con un nuovo libro, che ho avuto modo di leggere in anteprima, ancora più folle e originale del precedente, arricchito dai contributi (davvero belli) di autori esterni.

dal blog di Roberto Recchioni – http://prontoallaresa.blogspot.it/2012/10/verso-lucca-deus-ex-libro-mortali-si.html

 

La fine del mondo non va scongiurata, la fine del mondo va scatenata. Serve pazienza, creatività e qualche bomba a mano.

da un’intervista per Comicom.it – http://www.comicom.it/comicom/2012/deus-ex-libro-comicom-intervista-tram-dr-ink.html

 

La seconda fatica dal punto di vista narrativo vola più in alto, si intitola infatti «Deus ex libro» ed è nientedimeno che un manuale per aspiranti “divinità”: un prodotto di grafica, racconto e gioco che stupisce per originalità e cura.

da un articolo de “L’eco di Bergamo” – http://www.ecodibergamo.it/stories/Tempo%20Libero/326319_riflettori_sul_fumetto_a_luccacomics/

 
 

…hanno deciso di andare oltre quanto detto prima e che hanno realizzato un volume che, prima ancora che per la qualità del contenuto, colpisce per lo straordinario livello del suo contenitore, vero oggetto di design tipografico.

dal blog di Roberto Recchioni – http://prontoallaresa.blogspot.it/2011/10/cose-che-lucca-comprerei-come-crescere.html

 

Perché chi ci ha lavorato sono dei disegnatori bravissimi, perché il volume esteticamente è una delle cose migliori che abbia visto in questa fiera, perché lo so che 90% di voi sono degli otaku in fissa coi robottoni!

dal blog di Giorgio Salati – http://giorgiosalati.blogspot.it/2011/11/come-crescere-un-robottone-felice.html

 

Siamo tutti cresciuti a pane e cartoni animati giapponesi, quindi il tema era legato alla nostra infanzia e ci piaceva creare un libro che potesse essere apprezzato sia dalle nuove generazioni che da quella precedente.

da un’intervista per Stradanove.net – http://www.stradanove.net/fumetti/dr-ink

 

Nel complesso comunque il risultato di questa collaborazione è eccellente!
La cura con cui il libro è stato realizzato, la qualità della maggior parte dei suoi contenuti, l’originalità dell’idea e soprattutto la dedizione e la professionalità con cui è stata realizzata, sono sicuramente la riprova che talento e tenacia sono davvero le chiavi per ottenere, se non fama e successo, quantomeno il riconoscimento della bravura.

dal blog provvisorio. – http://byroneloisa.blogspot.it/2011/11/come-crescere-un-robottone-felice-ed.html/